standard-title ADI – Assistenza Domiciliare Integrata e UCPDOM- Unità di Cure Palliative Domiciliari

ADI – Assistenza Domiciliare Integrata e UCPDOM- Unità di Cure Palliative Domiciliari

L’Assistenza Domiciliare Integrata e l’Unità di Cure Palliative consiste nell’erogazione di interventi finalizzati a favorire la permanenza delle persone con problemi sanitari- assistenziali nel loro ambiente di vita. L’obiettivo è evitare l’istituzionalizzazione e l’ospedalizzazione, cercare quindi di garantire alla persona di vivere al proprio domicilio una soddisfacente vita di relazione attraverso una rete di servizi e prestazioni socio- assistenziali e sanitarie. Le persone che accedono al servizio ADI e UCPDOM sono in situazioni di fragilità con marcata non autosufficienza parziale o totale sia definitiva che temporanea.

A chi è destinato

Possono usufruire del servizio tutti i cittadini bisognosi di cure sanitarie temporaneamente o permanentemente impossibilitati ad essere curati presso strutture ospedaliere o a livello ambulatoriale (persone allettate, con un’invalidità elevata, patologie degenerative o malati terminali).

Prestazioni offerte

  • PRELIEVO DI SANGUE (solo se invalido totale con accompagnamento C02; se ceco assoluto C05; se paziente tumorale terminale PTT)
  • PRELIEVO DI SANGUE a pagamento a tutti i cittadini lo richiedessero
  • Medicazioni LESIONI DA PRESSIONE, ULCERE CUTANEE
  • Medicazioni CATETERE VENOSO CENTRALE
  • FLUIDOTERAPIA
  • Gestione del DOLORE
  • Medicazioni e sostituzione PEG
  • Medicazioni COLONSTOMIE e UROSTOMIE
  • Sostituzione SONDINO naso-gastrico
  • Gestione NPT e NAE
  • Sostituzione e/o lavaggio di CATETERE VESCICALE
  • CLISTERE
  • Igiene personale
  • ASSISTENZA A MALATI IN AREA CRITICA e/o IN FASE TERMINALE
  • SOSTEGNO PSICOLOGICO al malato e alla famiglia
  • Trattamenti di FISIOTERAPIA e RIABILITAZIONE per patologie con quadro cronico-stabilizzato e/o cronico-evolutivo in fase di poussè o aggravamento per le seguenti patologie: Morbo di Parkinson; SLA; SMA; Sclerosi Multipla; Distrofia Muscolare; Lupus Eritematoso Sistemico; Artrite Reumatoide
  • Trattamento di FISIOTERAPIA per addestramento al care-giver

Obiettivi

Gli obiettivi della Sandonato sono:

  • Migliorare la qualità della vita della persona ammalata fornendo risposte globali e continuative basate sull’integrazione dei servizi sanitari e socio-assistenziali.
  • Mantenere, per quanto possibile, il paziente al proprio domicilio evitando o ritardando l’istituzionalizzazione.
  • Favorire la deospedalizzazione, evitando i ricoveri non necessari al fine di ridurre i disagi di ordine psicologico, economico e sociale sia per il paziente che per i suoi familiari.
  • Assicurare la continuità terapeutica nel momento della dimissione ospedaliera.
  • Garantire le cure e il supporto del paziente e della famiglia nella fase della terminalità della vita.

Professionisti

A seconda dei bisogni del cittadino vengono attivate le seguenti figure professionali:

  • Infermieri
  • Fisioterapisti
  • ASA/ OSS
  • Medici Specialisti (Geriatra, Fisiatra, Medico Palliatore)
  • Psicologi (con funzione di sostegno psicologico al paziente, alle famiglie e agli operatori)
  • Educatori
  • Case Manager

Costi

il Servizio è GRATUITO se viene richiesto dal MAP (Medico di Assistenza Primaria) e autorizzato dall’ASST di competenza per patologie croniche o oncologiche.

in caso di necessità di cure palliative lo stesso utente oppure il care-giver può rivolgersi direttamente all’ente accreditato che erogherà il servizio sempre GRATUITAMENTE.

in alternativa offriamo il servizio privatamente.

 

 

Come si accede al servizio

L’accesso avviene attraverso due modalità:

  • Una richiesta da presentare al Distretto ASST di competenza. La richiesta viene redatta dal Medico di Assistenza Primaria, dopo aver valutato i bisogni della persona e verificato la necessità di attivare l’intervento.
  • Attraverso le dimissioni protette dai reparti ospedalieri o delle cliniche convenzionate
  • Attraverso la richiesta dell’utente o care-giver direttamente all’ente accreditato per servizio UCPDOM (cure palliative)

Attivazione del Servizio ADI

Il Medico di base o il Pediatra di famiglia richiede l’attivazione del Servizio ADI al Distretto di competenza, che effettua una valutazione della richiesta. Successivamente all’autorizzazione del Distretto, il paziente (o un familiare) contatta telefonicamente una delle strutture accreditate sul territorio per l’erogazione del servizio ADI.

L’elenco delle strutture viene consegnato dal MAP (medico di medicina primaria) o dal Distretto ASST di competenza.

L’operatore dell’ente accreditato effettua la valutazione del paziente al domicilio e compila un Fascicolo Socio-sanitario (FaSAS).

Attivazione del Servizio UCPDOM

l’utente o il care-giver si possono rivolgere direttamente all’ente accreditato, oppure l Medico di base o il Pediatra di famiglia richiede l’attivazione del Servizio UCPDOM al Distretto di competenza, che effettua una valutazione della richiesta. Successivamente all’autorizzazione del Distretto, il paziente (o un familiare) contatta telefonicamente una delle strutture accreditate sul territorio per l’erogazione del servizio UCPDOM.

Contatti

Segreteria A.D.I.:

Tel.: 035 4185438
Fax: 035 4185480
E-mail:
assistenzadomiciliare@sandonatosoc.it

Responsabili del servizio: Dott.ssa Arianna Florese e Dott.ssa Enza Anemolo

Tel.: 035 4185455
E-mail:
coordinamentoadi@sandonatosoc.it

Documentazione

Carta dei Servizi A.D.I.

Carta dei servizi A.D.I.

Brochure A.D.I.

Brochure A.D.I. ; Brochure A.D.I. 2
Brochure A.D.P.